CONURO GUARUBA

10 risposte in questa discussione

Inviato

Spero di non essere complicata. Mi parlate dettagliatamente del CONURO GUARUBA?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Il nome latino deriva dal greco Konos, letteralmente coda a punta; uccello nazionale del Brasile i cui colori richiamano, la bandiera dello Stato. Il nome brasiliano deriva dalla lingua indigena Tupì: guarà, uccello e yuba, giallo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

 invece la riproduzione?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

La cova dura generalmente 24 giorni ed i piccoli abbandonano il nido verso i tre mesi di vita. Il nido deve essere del tipo a cassetta verticale, con dimensioni 30x30 cm ma piuttosto alto, almeno 80 cm.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

L'alimentazione corretta......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Può essere nutrito con estrusi, macedonia di frutta, mele, pere, banane, possibilmente anche energetica ed esotica papaya, cocco e mango, da una miscela di semi per ara, da abbondante verdura, legumi cotti e germinati, pannocchie di granturco fresco, semi germogliati, pane bagnato con latte, nocciole aperte, peperoncini.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Ciao appassionata della natura, vediamo di fare un po’ di chiarezza, su questo bellissimo Pappagallo. In cattività è raro. Tanti, ma tanti anni fa, conobbi della Gran Bretagna il Sig. Chapman, che possedeva questi pappagalli. Questi Pappagalli in genere non sono distruttivi, infatti i nidi non vengono morsi, è importantissimo fornire una giusta miscela, con aggiunta di uva dolce e mele. Bisogna abituarli ai semi con gradualità. Sono Pappagalli ben robusti e resistenti, ma bisogna dargli un buon riparo. Per una coppia di questi Pappagalli la voliera deve essere lunga circa 4 metri e larga circa 1 metro, con copertura iniziale di circa 80 cm, dove mettere un paio di mangiatoie per il cibo e per l’acqua, sul finale una copertura di circa 1 metro, per mettere un nido da circa 40x40 cm profondo circa 70 cm, con il foro di entrata di circa 20 cm. In questo modo si costringono i Pappagalli al volo lungo, dal nido alle mangiatoie. Quando si comincia a notare, che i Pappagalli sono sempre vicini e cominciano a dormire entrambi nel nido è un buon segno. Può capitare che quando nascono i pully, crescono soggetti di medio/piccola taglia. Chiaramente la minore taglia è un problema di selezione, ma avviene particolarmente ai soggetti allevati a mano, per la voglia di accrescere numericamente le nidiate, creano Pappagalli minuti, mentre, al contrario, con soggetti lasciati ai genitori si ha un soggetto superiore in grandezza e sicuramente in breve tempo seguito dalla riproduzione. In natura questo pappagallo si ciba di frutta e soprattutto dei frutti o pseudofrutti della palma di Euterpe. Si nutre anche di alcune piante coltivate come mango e mais; e poi Anacardium sprunaceum, Anacardium occidentalis, Protium Tetragastris,Visinia gjanensis, Inga,Byrsonima crassifolia, Carapa guainensis, Cercopia; e germogli di Symphonia. Nidifica nei cavi degli alberi alti tra i 15 e i 30 metri, indifferentemente che siano alberi morti o vivi, usa anche nidi abbandonati di altre specie, talora anche solo per trascorrervi la notte, così come constatato in cattività. E’ facile trovare nidi che portano una nidiata di differenti stadi di crescita; depone dalle 2 alle 6 uova. La stagione delle piogge coincide con la riproduzione, che in Brasile, nella zona di interesse, va da dicembre ad aprile. Durante tale stagione questi pappagalli occupano la foresta in prossimità di radure. Vive generalmente nella foresta pluviale tropicale nelle “terre ferme” ed evita le foreste periodicamente inondate dette varzeà, dove alla fine della stagione della riproduzione si trovano occasionalmente alcuni esemplari provenienti dalle zone secche immediatamente adiacenti. La sopravvivenza di questa specie è minacciata e in declino a causa della deforestazione rapida e continua che interessa vaste aree di habitat, dalla caccia e dalla cattura e dal taglio di frodo della pregiata pianta di mogano del brasile (Swietenia macrophylla). Si tratta di una specie protetta che da tempo è stata inserita nella lista rossa degli animali in pericolo di estinzione (CITES). Per quanto riguarda l’alimentazione in cattività di questi Pappagalli, oggi ci sono in commercio molti alimenti già preparati ottimi per una dieta mirata, ma la base dovrà essere quella che ci da l’allevatore che c’è lo cede, il quale a già esperienza del singolo Pappagallo. Spero di esserti stato di aiuto.

Il 13 agosto parto per il Brasile. A presto……

 

Modificato da amante dei pappagalli
a 9 persone è piace questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Grazie, amante dei pappagalli, chiarissimo!!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

I pappagalli ci hanno affascinato nel corso degli anni a causa della loro alta intelligenza, colori splendidi e personalità adorabili che semplicemente non verranno ignorate. Generazioni di appassionati dei pappagalli insistono sul fatto che non esiste un animale domestico migliore di un pappagallo.

a 9 persone è piace questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Grazie, amante dei pappagalli, chiarissimo!!!!

Figurati. Grazie a te! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

  • advertisement_alt