Canarino lancashire coppy

9 risposte in questa discussione

Inviato

Mi date dei consigli su come iniziare una esperienza con il canarino lancashire coppy?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

 E’ bene dire che una delle sue particolarità è la lentezza nel raggiungere la piena maturità e quindi la condizione ideale per la riproduzione, quindi non bisogna accoppiarlo troppo presto; e bene in allevamento mettere in riproduzione solamente soggetti di circa due anni. La luce influenza il ciclo riproduttivo degli uccelli allorquando essa viene percepita dalla retina. Quindi è bene aumentare, già alla metà di marzo, anche di cinque ore, nell'arco della giornata, la luce.

a 4 persone è piace questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Come iniziare ad allevare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

All'inizio dell'inverno i maschi vengono separati dalla femmine. Mentre queste ultime soggiornano in voliera, e bene alloggiare i maschi in gabbie d'allevamento e vi restano fino al momento degli accoppiamenti. Una settimana circa prima del momento di mettere assieme la coppia, i ruoli si scambiano: le femmine vengono messe in gabbia da riproduzione e i maschi in voliera, dove il grado di eccitazione arriverà al culmine. Quando ritieni che la femmina sia pronta, la inserisci al maschio prescelto e l'accoppiamento avviene senza problemi.

a 4 persone è piace questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

L’alimentazione è la stessa dei normali canarini?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Durante tutta la stagione e bene che ricevono la stessa alimentazione, composta di scagliola, ravizzone e semi prativi. Poi ogni 15 giorni va dato pastone dello stesso tipo che avranno durante l'allevamento della prole. Giornalmente, va data, verdura come cicoria selvatica e tarassaco e frutta. L'alimentazione in un allevamento è sicuramente un elemento importante, i pastoncini che si somministrano ai nostri soggetti si possono ritenere buoni solo se realmente appetiti. Bisogna mettere inoltre, in una mangiatoia a parte dei semi germinati o dei cetrioli tagliati a metà per lungo. Durante il periodo riproduttivo non deve mancare molta verdura con preferenza per la cicoria e il tarassaco, questo sin dal primo giorno della nascita dei piccoli. L'acqua è ugualmente molto importante, dovrà essere cambiata giornalmente evitando l'uso di acqua troppo calcarea.

a 4 persone è piace questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

 Invece per gli accoppiamenti…………..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Se si alleva con le linee di sangue non c’è nessun problema, purché, si prende nota dei risultati d'allevamento; ma tutto ciò è molto difficile se allevi con volatili acquistati. Bisogna basarsi su ciò che si vuole da un volatile e mai sui risultati ottenuti. Bisogna ricordare che due esemplari perfetti possono dare discendenza anche molto mediocre. Se acquisti dei riproduttori e l'allevatore è serio, questi sarà sempre d'accordo e gli farà piacere mostrarvi i suoi registri di allevamento con i risultati ottenuti. Gli accoppiamenti devono essere fatti in questo modo; il maschio più grosso e lungo possibile si mette con una femmina ma più leggera. Bisogna lavorare su due linee con il maggior numero possibile dì accoppiamenti brinato x intenso. Comunque per aumentare la taglia ci vuole molta pazienza, per il ciuffo a ferro di cavallo e tutt'altra cosa, tanto è difficile e lungo nel tempo il fissare questa caratteristica. Tutto l’allevamento deve essere basato su una scrupolosa selezione dei riproduttori in funzione della taglia, del ciuffo e dell'attitudine all'allevamento. Due settimane prima degli accoppiamenti, vanno sistemate le femmine nelle gabbie. Dopo qualche giorno vanno messi a disposizione della coppia i nidi ed il materiale da costruzione. I nidiacei sono auto¬sufficienti già dopo 25/26 giorni, mentre altri allungano fino a 31/32 giorni. Bisogna spostare i giovani fratelli tutti assieme, attendendo anche quello rimasto più indietro rispetto agli altri. Le gabbie devono essere costruite in compensato multiplex da 8 mm. Consiglio questa soluzione perché il multiplex e facile da lavorare, ha un legno che non emana odori malsani per i volatili ed è facile da verniciare. Le dimensioni delle gabbie devono essere di 1.22 di lunghezza x 0.40 di altezza e 0.40 di profondità. Per igiene e comodità le gabbie vanno colorate internamente e verniciate esternamente, i fondi alti 10 cm. per evitare la dispersione di rifiuti ed escrementi. I frontali devono essere in barrette metalliche forniti di due sportelli uno scorrevole e uno a molla dove si collocano i nidi. Bisogna avere molta PAZIENZA…..

a 4 persone è piace questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

grazie di tutto Gigi…..

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

  • advertisement_alt