Il diamante di Bichenov


4 risposte in questa discussione

Inviato

 

1_Il_diamante_di_Bichenov...thumb.jpg.51

 

1_Il_diamante_di_Bichenov..thumb.jpg.0c9

 

1_Il_diamante_di_Bichenov.thumb.jpg.f856

 

Il diamante di Bichenov (Taeniopygia bichenovii), conosciuto anche come diamante di Bichenow, diamante di Bicheno o diamante gufo, è un uccello passeriforme della famiglia degli Estrildidi.

 

Il diamante di Bichenov è un uccello di aspetto minuto e tozzo: la parte dorsale del corpo è di colore grigio-brunastro, mentre il ventre è più chiaro e presenta sfumature di color isabella: il petto è bianco-grigiastro e separato dal ventre da una banda orizzontale nera. Anche attorno alla testa è presente una banda circolare nera, che delimita una mascherina bianca dalla quale deriva il nome comune di "diamante gufo", per la somiglianza col disco facciale tipico degli strigiformi: la banda forma due "sopracciglia" nella parte superiore del becco, maggiormente accentuate nel maschio rispetto alla femmina così come in generale tutte le bande nere. Il margine esterno delle ali è nero, finemente macchiettato di bianco: anche la coda è nera, con codione e sottocoda bianchi nella sottospecie nominale e bruno scuro nella sottospecie annulosa. Le zampe ed il becco sono di un bel colore grigio-bluastro, gli occhi sono di un colore bruno molto scuro.

 

Si tratta di uccelli tendenzialmente stanziali che vivono in gruppi anche molto numerosi, che passano la maggior parte della giornata al suolo cercando il cibo, per poi ritirarsi fra gli alberi durante la notte. I vari uccelli del gruppo (ed in particolare i membri delle coppie) si tengono in costante contatto uditivo fra loro mediante particolari richiami che ricordano il miagolio dei gatti, mentre un "canto" vero e proprio è tipico dei maschi, ha funzione di corteggiamento verso le femmine e consiste in un suono basso e flautato.

 

Questo uccello ha abitudini principalmente granivore: spezza i semi di piccole dimensioni col grosso becco, cibandosi poi della parte interna. Non disdegna anche altri alimenti di origine vegetale come germogli, frutta e piante, nonché piccoli insetti e larve.

 

Non esiste un periodo riproduttivo vero e proprio, pertanto questi uccelli sono in grado di riprodursi durante tutto l'anno: gli eventi riproduttivi, tuttavia, in natura si concentrano subito dopo le piogge, in maniera tale da poter nutrire abbondantemente i piccoli con le erbe appena germogliate. Si tratta di una specie monogama: il nido ha una forma sferica, misura circa 10 cm di diametro ed è costituito da materiale filamentoso (principalmente steli d'erba e lanugine) intrecciato a formare una camera principale ed un piccolo tunnel interno discendente. Il nido viene ubicato solitamente nel folto dei cespugli o nell'erba alta, ed ambedue i sessi collaborano nella sua costruzione. All'interno del nido vengono deposte 4-6 uova, che vengono covate da ambo i sessi per 13 giorni: i pulli nascono ciechi ed implumi ed hanno dimensioni molto piccole, e vengono nutriti ed accuditi da entrambi i genitori per circa tre settimane, quando sono pronti per l'involo.

a 12 persone è piace questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Ho letto, molto interessante è bello. Avete altri consigli sul DIAMANTE BICHENO?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Già in quanto scritto ci sono molte notizie. Il diamante bicheno ha origini legate all´Australia settentrionale. Il suo nome è stato da sempre oggetto di discussione. Inizialmente veniva denominato diamante di bichenow e ancora oggi erroneamente capita di vederlo classificato come Phoephilia Bichenovii. Non è facile distinguere il maschio dalla femmina. Ci vuole una grande esperienza,  un aiuto può essere  quello di osservare attentamente i soggetti  in modo da capire chi canta  maschio , mentre chi emette solo un cinguettio femmina. Chi lo alleva non ha dubbi nel descriverlo come esotico tranquillo e mai aggressivo quindi in grado di poter stare in grosse voliere con altre specie. Necessitano di un ambiente con una temperatura di circa 24°C e un nido a cassetta. Per quanto riguarda l´alimentazione non hanno particolari accorgimenti, bisogna dare anche calcio e un buon multivitaminico. La femmina depone dalle 4 alle 8 uova e la cova dura circa 13 giorni. La femmina non deve essere disturbata, per evitare che abbandona la cova.

a 3 persone è piace questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Ok Massimo! ^_^

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

  • advertisement_alt