Ricetta Prealpina


18 risposte in questa discussione

Inviato

Ricetta Prealpina....

riucetta-preralpi.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Vaccinium myrtillus

Il mirtillo nero (Vaccinium myrtillus L.) è una pianta arbustiva della famiglia delle Ericaceae.

È una pianta arbustiva, a portamento espanso, di altezza compresa tra 20 e 60 cm, con foglie ovali.

I fiori hanno una forma tipica a orcio rovesciato, con petali saldati tra loro. Questa forma è comune a tutte le Ericacee. L'ovario è infero.

I frutti, bluastri, hanno l'aspetto di bacche, ma in realtà sono false bacche, perché si originano da sepali, petali e stami, oltre che dall'ovario.
Si consumano freschi o trasformati in marmellata. Fiorisce in maggio e fruttifica in luglio-agosto.

I principali caratteristici costituenti della droga sono le antocianine (0,5%); altri costituenti sono i tannini, alcuni acidi organici tra cui quelli idrossicinnamico e idrossibenzoico, vari glicosidi flavonolici e flavan-3-oli, iridoidi, terpeni e pectine

Vaccinium myrtillus presenta una valenza cenotica ed ecologica piuttosto ampia in quanto è presente dalle peccete subalpine a quelle montane: dalle faggete subalpine a quelle montane, purché con substrato a pH acido.

Delizie di Pavesini ai frutti di bosco

Avete voglia di un dessert al cucchiaio fresco e goloso? Ecco le delizie di Pavesini ai frutti di bosco: morbide cupoline di pavesini ripiene con morbida crema alla ricotta arricchita con il succo di fragole, ribes e lamponi!
L'interno delle delizie nasconde poi un'altra golosa sorpresa: mirtilli interi immersi nel ripieno che danno una giusta nota di freschezza e croccantezza al dolce, cucchiaio dopo cucchiaio.
Il succo di frutti rossi che arricchisce la crema, e serve anche come baga per i Pavesini, è ottenuto facendo cuocere insieme ribes, fragole in pezzi e lamponi; il tutto viene poi frullato e passato al setaccio.
Le delizie di Pavesini ai frutti di bosco sono perfette come fine pasto: porterete in tavolo un tocco di colore e sopratutto di bontà!

 

mirtilli _732c827954_o.jpg

mirtilli ok.jpg

mirtillo a0db0153ac_o.jpg

mitrtilloe18338a09b_o.jpg

RISO AL VINO DI BARBERA

riso-al-barbera.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Ricetta Prealpina

castagne.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Girando con amici abbiamo visto i mirtilli e pensavo ma gli uccelli si cibano dei Mirtilli? Guardando nel forum ho visto che se ne è parlato molto interessante……

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Il Mirtillo nero è una pianta di montagna che produce bacche nero violacee che sono preziose per i nostri volatili, e la gran parte dell’evifauna montana Ciuffolotti, Lucherini, Organetti, ecc… Ne mangiano, traendone grande giovamento per la salute, in particolare dell’apparato digerente.

Tra le sue diverse virtù ha una netta azione antidiarroica e tutte le Specie di volatili allevate ne dovrebbero mangiare in adeguate quantità e in pochi giorni i disturbi intestinali spariscono.

Buona giornata.

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Concordo con Antonio, ho provato a darli ai Ciuffolotti con il ventre infiammato e diarroici, risultato in 8 giorni, con la somministrazione di un cucchiaio raso al giorno per soggetto, i disturbi sono spariti.

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Si infatti Renzo, la stessa cosa vale per simili disturbi dei Cardinalini, Cardellini, Lucherini Indigeni ed Esotici e altre Specie.

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Ma e straordinario, non lo sapevo….. Ma che vitamine contiene

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Vitamina A e C molto ricco, acido malico, acido citrico, tannino, Sali minerali, pigmenti antocianici, zuccheri. Bisogna dire che la presenza di pigmenti favorisce la colorazione rossa di certi piumaggi.

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Quindi a pure effetto di colorante naturale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Infatti somministrando 8 bacche al giorno al Ciuffolotto durante la muta, i colori rosso si fanno vivi e tutto il piumaggio assume brillantezza. Pertanto sia durante la muta sia dopo trattamenti antibiotici e sulfamidici, e di disturbi intestinali è molto preziosa la somministrazione di 8 bacche al giorno e per alcuni giorno fino alla sparizione dei disturbi.

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Ma si possono congelare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Si poi si tolgono dal congelatore si lasciano all’ombra per 5 minuti e poi si danno ai volatili. Se all’inizio non li mangiano, conviene romperle. Se ancora non li mangiano allora bisogna procedere in questo modo: appena estratte dal congelatore le bacche si mettono in un colino a maglie fitte, si premano e il succo va messo nel beverino, in questa maniera: metà acqua e metà succo. Dopo 4 ore bisogna buttare tutto.

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

 Ok. Le bacche possono stare nel congelatore per giorni? Grazie anticipato….

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Si possono raccogliere in grandi quantitativi e mantenere per molti mesi nel congelatore. Ma si possono pure usare le bacche congelate per uso pasticceri per confezionare i dolci. Per chi li vuole raccogliere si possono trovare in luoghi elevati, poi si mettono nel congelatore o si fanno essiccare in un luogo fresco, pulito e asciutto, prima della somministrazione si fanno rigonfiare con acqua tiepida.

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Grazie a coloro che anno risposto alla discussione!

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Grazieeeeeeeeeeeeeee

 

Grazie a coloro che anno risposto alla discussione!

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

  • advertisement_alt