Flusso Attività

Flusso Attività

  1. Reggina ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    riferisco 
    riferisco 
    Riferisco
    • 0
  2. Il Siciliano ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Lo spazzolino non va' usato a "secco".  Le piume sollevate si abbassano prima o poi, il rischio e che si alzano.
    Lo spazzolino non va' usato a "secco".  Le piume sollevate si abbassano prima o poi, il rischio e che si alzano.
    • 0
  3. Reggina ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Anche lei mi dice che usa lo spazzolino dei denti con setole morbide e prima di usarlo inumidisco con un vaporizzatore le corone dei suoi gloster fin'ora si è trovata bene in questa maniera e quando capita che qualche piuma rimane sollevata leggermente per un paio di giorni la bagno con il dito e acqua calda in 2/3 giorni si sistemano.
    • 0
  4. Il Siciliano ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Ciao, purtroppo l’ unica maniera e’ di ”pettinarli”, la tuaamica può usare un comune spazzolino da denti, seguendo il corso del piumaggio, dal centro alle estremita, e spesso capita che si aprono le piume. Vedrà pero’ che soprattutto se ne sono molte, questa che abbiamo aiutato ad aprirsi, restano sollevate, come se fossero meno morbide.
    • 1
  5. Reggina ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Una mia amica si è accorta che nei gloster alcuni corona non hanno la cascata di piume “a fontana” sulla testa. Alcuni hanno il piumaggio duro e non c’è quest’effetto, altri hanno il piumaggio corto e la piuma si ferma sugli occhi senza piega. Però ne ha alcuni col piumaggio giusto, anche se le corone non sono ad ombrello ma a pizza. Guardandoli per bene al centro hanno ancora le cannucce di cheratina che avvolgono un po’ di piuma a partire dalla radice. Ha provato a toglierle ma ha tolto pure le pennucce. Gli date dei consigli?
    • 0
  6. Giulia ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Grazie per questo bellissimo dialogo di crescita. Il quando giro guardo sempre le caratteristiche principali di un soggetto. Infatti ho notato che i gialli hanno la piuma più morbida, corta e sottile e questo piumaggio non aiuta a creare certe rotondità. Bisogna accontentarsi solo di un paio di soggetti, facendo una dura selezione.
    • 0
  7. Renzo E ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Bisogna cercare di creare soggetti gialli con buone caratteristiche; infatti il giallo o chiaro  tende ad allargare spalle e petto.
    • 1
  8. Il Siciliano ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Quoto Renzo. Mi viene in mente un'altra teoria: ci sono alcune linee che danno buoni consort e altre buoni corona. I consort con la testa grande e rotonda sono da preferirsi, poi se si accoppiano con delle corone "importanti" le piume delle corone non cadranno più piangenti alla prole ciuffata. Ed è giusto come scrivi, alcune volte sono da preferire "femmine consort un po' mancanti di nuca".
    • 1
  9. Renzo E ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    dei buoni corona, nascono da femmine un pò mancanti di nuca, le quali permettono di ottenere soggetti con corone piangenti. Ciò non toglie di tenere in considerazione anche il patrimonio genetico di un soggetto. Invece per quanta riguarda il maschio il difetto principale è la mancanza di spalle e quindi ha poca rotondità. Non bisogna puntare solo sul piumaggio, perchè il gloster è sopratutto un canarino di forma che possiede anche altre caratteristiche.
    • 1
  10. Giulia ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Ho aperto questa discussione perché perlando con altri spesso scartano un consort con la testa un po’ piatta. Ma adesso leggendo le vostre risposte ho capito che la loro teoria non è valida per un’allevatrice che non ha un ceppo consolidato. Ci sono tante incognite….  Osservato meglio i genitori, di altri allevatori nessuno di loro ha la testa piatta o forse la corona della madre la nasconde. Bisognerebbe allora osservarli durante la prima settimana di vita quando sono ancora implumi. Spesso i difetti si accentuano, si nota il piumaggio morbido e corto.
    • 0
  11. Renzo E ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Un bel ciuffo dipende dal rapporto tra dimensioni del cranio e lunghezza della piuma, una piccola testolina consentirà anche ad una piuma non eccessivamente lunga di ricadere formando un bel ciuffo, avendo cosi' un buon piumaggio sul resto del corpo. La testa dovrà essere tonda, perchè il ciuffo deve essere tondo, molto importante è anche la genetica del consort, bisogna scegliere quelli che tra i fratelli e i genitori hanno bei corona.
    • 1
  12. Il Siciliano ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Bisogna tenere anche conto che, per verificarlo nella pratica, bisognerebbe essere in grado di accertare come si sono combinati tra loro i geni dei genitori e come il risultato di questa combinazione si è manifestata nella prole. Per esempio: accoppio un corona con un buon ciuffo ad un consort con la testa piatta. La prole ciuffata potrà risultare buona o meno ma, in prima battuta, non potrò sapere con certezza se il pregio o il difetto dipende dall'avere la prole ereditato la forma cranica del genitore consort anziché di quello corona o se dipende dalla particolare combinazione delle due forme o, ancora, se dipende dalla manifestazione di caratteristiche presenti nel patrimonio genetico dei genitori ma non evidenziate nel loro fenotipo. In ogni caso, dovendo affidare ad una teoria nella scelta dei riproduttori, io preferirei quella secondo il quale la testa del Consort deve essere perfettamente o il più possibile rotonda, senza presentare alcun appiattimento nella parte superiore, perché questo sarebbe dannoso per la forma e lo stile del ciuffo.
    • 1
  13. Renzo E ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    La testa in un buon CONSORT da esposizione deve essere la più rotonda possibile; mentre la testa di un CONSORT accoppiato ad un CORONA, per ottenere degli ottimi ciuffi deve avere la testa e nuca un po' piatte. Questo conferma che un buon soggetto da esposizione può non essere un buon soggetto da riproduzione.
    • 1
  14. Giulia ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Mi date più informazioni di come deve essere la testa di un gloster?
    • 0
  15. Pippo ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Ok, grazie 
    • 0
  16. Il Siciliano ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Tutti i figli sia maschi che femmine saranno a fondo bianco o giallo bianco, ardesia, giallo, verdi e loro pezzati ma non avrai nessun cinnamon bruno, a meno che il maschio non sia portatore di tale fattore. Tutti i figli maschi saranno però portatori del fattore bruno.
    • 1
  17. Pippo ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Vorrei conoscere se l'accoppiamento che andro' a fare e' fattibile e che prole avro' maschio gloster consort bianco X femmina gloster corona cinnamow - oppure quale altra femmina posso mettere.
    • 0
  18. Reggina ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Grazie 
    • 1
  19. Il Siciliano ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Con l'esperienza, è abbastanza facile distinguere i gloster maschi dalle femmine. Non è solo una questione di sottogola. Oltre al codione ed alle spalline, occorre guardare soprattutto la mascherina, che le femmine non hanno mentre nei maschi è accentuata, ed il petto, che nelle femmine è generalmente poco colorato, soprattutto sul lati. A volte però capita che qualche maschio sia così poco colorato da sembrare femmina questi soggetti è bene eliminarli, a meno che non abbiano una tipicità eccellente e viceversa. Le femmine tanto colorate da sembrare maschi è meglio tenerle.
    • 1
  20. Reggina ha aggiunto un messaggio nella discussione gloster   

    Come si distingue il sesso del gloster?
    • 0
  21. Reggina ha aggiunto un messaggio nella discussione L'organetto   

    ok, je veux dire.
    • 0
  22. L.p. ha aggiunto un messaggio nella discussione L'organetto   

    Il peut être associé à une belle brune, votre ami verra que cela donne naissance à une bonne souche d'Organetti Cabaret.
    • 1
  23. Reggina ha aggiunto un messaggio nella discussione L'organetto   

    Il y a un de mes amis qui a un porteur masculin ancestral, il aimerait savoir quel conseil féminin mettre.
    • 0
  24. Appassionato dei volatili ha aggiunto un messaggio nella discussione L'organetto   

    Ok. Merci
    • 0
  25. L.p. ha aggiunto un messaggio nella discussione L'organetto   

    Pour l'élevage des juvéniles, mais aussi lors de la mue et de l'entretien, j'utilise une sorte de pudding. Voici comment je l'obtiens: nous commençons à verser le contenu d'un verre de lait dans un bol Habituellement, je prépare le pudding avec 2 œufs (jaune et blanc d'oeuf), que j'achète au supermarché (ceux à la campagne sont généralement moins contrôlés), mais en phase d'imbecco des oisillons, un œuf de plus ne fait pas mal. Ensuite, je mélange tout avec une fourchette et j'ajoute une cuillerée de miel de fleurs sauvages de culture biologique. J'ai tout mis au micro-ondes (fonction grill) pendant cinq minutes. Le mélange commencera à gonfler et à prendre de la consistance. Cela deviendra une sorte de pudding. Une fois cuit, voici à quoi ressemble le pudding. Avec une fourchette, j'essaye de drainer l'excès d'eau et de l'éliminer. Au mélange, ainsi préparé, j'ajoute de la purée (mais la chapelure est très bien aussi) à laquelle j'ai mélangé des aliments pour poussins (première période). J'ajoute à tous un complexe vitaminique. Et le mélange est prêt à être administré à tous mes pinsons, qui se sont avérés apprécier grandement ce plat (qui, si désiré, peut être utilisé "mélangé" avec les graines germées ou avec les pois décongelés "Primavera". Évidemment, ce composé il doit être administré immédiatement, mais changé fréquemment (s'il ne s'arrête pas), en particulier pendant les mois chauds (car il est sujet à des fermentations). Il peut être conservé au réfrigérateur jusqu'à trois jours. S'il est conservé pendant une longue période, il a tendance à moisir et à faire mal.
    • 1
  • advertisement_alt