Canarini arricciati.


7 risposte in questa discussione

Inviato

Vorrei sapere qualcosa sulla comparsa dei Canarini arricciati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Si è appreso che le prima segnalazione della comparsa di piume arricciate nel Canarino domestico sembra sia avvenuta verso l'anno 1700, in Olanda. In un allevamento olandese nacque un Canarino diverso dagli altri normali Canarini; era più lungo , più curvo, si teneva sul posatoio piegato in avanti e aveva un gruppo di piume arricciate sul petto. La improvvisa comparsa delle piume arricciate , alla luce delle acquisizioni di Genetica, è dovuta ad una mutazione di geni nel patrimonio ereditario dei Canarini. Detta mutazione influenza tutto l'organismo e agisce in particolare sulla ghiandola endocrina ipofisi che a sua volta regola e stimola l'attività sia della ghiandola tiroide e sia quella delle ghiandole gònadi( ova ie e testicoli) . Le predette tre ghiandole hanno molte funzioni e tra esse anche quella di intervenire nella formazione delle piume e penne. La luce influenza direttamente l'attività della ipofisi la quale ,a sua volta, regola e stimola l'attività delle altre ghiandole . Nel caso specifico della mutazione genetica che aveva colpito nell'anno 1700 il Canarino olandese , probabilmente essa ha agito sulle ghiandole endocrine potenziandone l'azione dei vari ormoni con il conseguente allungamento del corpo, degli arti posteriori, delle remiganti e delle timoniere, e la formazione delle prime piu me arricciate sul petto. L'allevatore olandese, presumibilmente, ha accoppiato il nuovo esemplare con le arricciature ai fratelli e al genitore di sesso opposto al suo allo scopo di fissare geneticamente la nuova caratteristica. I suoi figli furono selezionati accoppiando tra loro i soggetti con il maggiore sviluppo delle piume arricciate le quali si estesero ad altre parti del corpo. Nei decenni gli olandesi selezionarono Canarini  normali, con aumento delle arricciature sul petto e loro estensione alle piume dell'addome . Gli olandesi, nei decenni successivi all'anno 1780, selezionarono Canarini arricciati con le arricciature, oltre a quelle del petto, sempre più sviluppate ad altre parti del corpo : fianchi, dorso, ecc.. Vari esemplari di “ Frisé Hollandais” furono acquistati da allevatori belgi che li accoppiarono ad altre Razze : a Malinois allungati da canto e a Bossu a forma di “ 1” dalle spalle alte con formazione di due tipi : quello di “ tipo Malinois “e quello di “ tipo Bossu”. Tanti esemplari di variabili caratteristiche morfologiche, ma con maggiore lunghezza, colli allungati e piegati in avanti o in basso, spalle alte e posizione più eretta. Secondo il Signor Jules Janin ( Autore del libro “ Les Serins –Canaris et Hollandais – Editore Tissot, Paris, anno 1852) nel suo libro sostiene che l'Arricciato Olandese per la prima volta fu allevato in Olanda e fu introdotto in Francia tra gli anni 1730 e 1733. Nel 1740 la Duchessa francese de Berry (appassionata di Canarini e di Fringillidi), in compagnia del Signor Hervieux De Chanteloup ( noto esperto di quei tempi e curatore delle voliere di uccelli della Duchessa), si recarono in Olanda per acquistare Canarini “olandesi” di qualità presso i migliori allevatori che portarono in Francia. Durante una esposizione di Uccelli a Lilla vari allevatori acquistarono alcuni Canarini arricciati della Duchessa con lo scopo di accoppiarli e selezionare nuovi Canarini più arricciati e di maggior taglia. Altri allevatori francesi, acquistarono dal Belgio i due tipi predetti ( tipo Malinois e tipo Bossu ) che fusero insieme e selezionarono esemplari con piumaggio sempre più arricciato ma di due tipi della posizione : tipo “ Bossu” stilizzati a “7” e con arti posteriori lunghi e rigidi (ossia con scarsa o nulla angolatura tra gamba e tarso- metatarso) e il tipo “ curvo o a croissant” (cornetto) ,ma con arricciature più lunghe e più soffici. Nei decenni successivi, nei vari distretti della Francia si allevarono contemporaneamente Canarini arricciati di taglie e forme variabili che furono così chiamati: Frisé Hollandais – Trompetter du Roi – Hollandais Belge – Frisé Bossu – Serin Bossu- Hollandais du Nord- Frisé de Roubaix o Roubaisien - Frisé Lillois – Frisé Munichois –Brabançons- Brus sellois – Frisé Hollandais jambes de chenille- F.H. jambes culotté – Hollandais Parisien a croissant . Da questo ultimo tipo, con il passare di vari decenni , si ottenne il tipico “ Frisé Parisienne croissant ” ( Arricciato di Parigi a “ cornetto”: tipico dolce francese a forma di mezza luna). Col passare dei decenni molte varietà e sottorazze sparirono e, in tempi relativamente recenti, in Francia si riconobbero solo tre Razze: Frisé Parisienne- Frisé Hollandais du Nord – Frisé Hollandais du Sud.

a 2 persone è piace questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Cosa mi dici per quanto riguarda le piume e penne?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Negli Uccelli, di norma, il piumaggio è liscio e le “ piume di contorno” sono piegate e rivolte all'indietro ossia assumono la stessa direzione dell'asse del corpo, e l'asse della piuma forma un angolo rispetto alla superficie del corpo e le piume si devono giustapporre le une sulle altre per costituire un piumaggio liscio in modo da ridurre al minimo l'attrito con l'aria durante il volo. Alla base ( radice) delle piume si incastrano due piccoli muscoli ( muscoletti pennomotori) :uno dei muscoli avvicina la piuma al corpo e l'altro la allontana ( sollevamento ) . L'azione dei due piccoli muscoli è importantissima: se fa caldo le piume vengono compresse al corpo per ridurre al minimo il cuscinetto d'aria isolante e se fa freddo le piume vengono sollevate tanto più quanto è bassa la temperatura  ciò amplifica il cuscinetto d'aria che isola il corpo dall'ambiente esterno riducendo il pericolo del congelamento. Le penne “ forti” , remiganti e timoniere, si allargano durante il volo e si restringono se il volatile non vola. Per quanto riguarda le piume arricciate hanno una direzione diversa da quella normale del piumaggio liscio sopra descritta; ciò è dovuto al fatto che nel follicolo della piuma riccia la sua radice subisce una “ torsione” in seguito alla quale l'asse delle piume forma un angolo con l'asse del corpo . Questa rotazione si manifesta per raggruppamenti di piume che emergono da uno stesso pterilio e ciò forma dei mazzetti compatti di piume ; ossia dei gruppi di piume arricciate che hanno diverse denominazioni.

a 2 persone è piace questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

grazie, invece per quanto riguarda il carattere ereditario dell’ arricciatura?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Bisogna fare una distinzione tra : penna ; pennopiuma ; piuma. Per semplicità , nelle trattazioni che seguono, adotteremo solo i termini : piume ( in riferimento alle piume di contorno che avvolgono il corpo) e penne ossia le “penne forti” rigide e resistenti all'aria durante il volo che sono le remiganti (penne dell'ala) e le timoniere ( penne della coda). La caratteristica fondamentale delle Razze arricciate dei Canarini è l'arricciatura delle piume o, per adottare una frase tecnicamente più corretta, le piume sono “ arrotolate verso l'esterno”. Le tivi prime “ piume mosse più o meno arricciate” sul petto comparse in un Canarino olandese sono dovute ad una complessa mutazione e la sua genetica, ancora oggi, non è bene conosciuta. Molti anni fa allevavo Frisé Hollandais du Sud  successivamente chiamati “Arricciati del Sud”  con le arricciature principali ( jabot- spalline- fianchi) adeguatamente sviluppate come previsto dallo Standard della Razza. Volli tentare di capire il comportamento genetico del fattore arricciatura. Feci quattro coppie di Arricciato del Sud ( due maschi e due femmine) accoppiate a Canarini Malinois ( due femmine e due maschi) “ vecchio tipo , ossia col corpo più lungo di quello “normale” di questa Razza da canto . Da queste 4 coppie di arricciati x piumaggio liscio ,nel tempo si ottenne una numerosa prole di meticci di caratteristiche variabili : per circa ¾ arricciati con vari gradi di arricciature ,spesso asimmetriche e ¼ piumaggio liscio ma con esemplari sia totalmente lisci e sia con variabili cenni di “ piume mosse”. Scegliendo tra la prole i soggetti con maggiore sviluppo delle arricciature e accoppiandoli tra loro le arricciature tendono ad aumentare estendendosi in varie parti del corpo e a divenire più sviluppate. All'opposto se si accoppiano tra loro gli esemplari più o meno lisci. Quindi le arricciature possono aumentare o diminuire a seconda della direzione selettiva praticata o verso il più arricciato o all'opposto. Questi risultati fanno pensare che abbiamo a che fare con una eredità quantitativa (multifattoriale) e all'interno della quale si trovano varie coppie di alleli coppie di geni che , in base ai vari tipi di arricciature più o meno sviluppate sia simmetriche e sia asimmetriche, possono essere : parzialmente dominanti ( sembra in maggioranza) – altri intermedi – altri non-dominanti con o senza presenza di fattori di localizzazione esempio: i fianchi nascono sempre dalla parte più sviluppata dello “ sfiocco” .

a 2 persone è piace questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato

Molto interessante, grazie.

a 1 persona è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

  • advertisement_alt