• Amministratore
  •  
    Qui puoi scrivere tutte le notizie avvenute
     

australiani incendiano i boschi per stanare le prede

Rapaci diurni e notturni.

Moderatori: Ondulato, Mario.dg83, Antonio P., GiuseppeMicali

Rispondi
Avatar utente
Presidente FEO O.
Site Admin
Messaggi: 887
Iscritto il: mer mar 17, 2021 11:27 am

australiani incendiano i boschi per stanare le prede

Messaggio da Presidente FEO O. »

Le storie si tramandano anche tra gli aborigeni australiani, che raccontano di uccelli che portano il fuoco. Ora gli ornitologi hanno dimostrato, raccogliendo sufficienti prove visive, che nella zona a nord dell’Australia, nota come Top End, almeno tre specie di uccelli predatori incendiano la savana per stanare le loro prede.


Gli osservatori hanno individuato il nibbio bruno, il nibbio fischiatore e il falcone tra le specie che regolarmente si radunano vicino a piccoli fuochi di cespugli, approfittando della fuga delle lucertole, di piccoli mammiferi, uccelli e insetti. Inoltre, questi rapaci hanno imparato anche a usare il fuoco a loro vantaggio e a controllarlo.

«Gli uccelli raccolgono stecchini infuocati, spesso molto piccoli, e li portano in zone dove ancora non stanno divampando incendi. Poi li lasciano cadere nell’erba per far partire un nuovo focolaio», ha raccontato al magazine Cosmos l’ornitologo Bob Gosford, del Central Land Council di Alice Springs. «La loro tecnica non sempre riesce, ma in alcuni casi sono riusciti ad appiccare incendi».
Gli osservatori hanno anche notato tentativi di più uccelli insieme di diffondere il fuoco, trasportando tizzoni ardenti. Questo comportamento è molto noto tra la popolazione locale del territorio del nord del paese. Tanto da essere parte di alcune cerimonie tipiche, come la Lorrkon e la Yabuduruwa, che incorporano scene che mostrano gli uccelli diffondere il fuoco.

“Gli aborigeni hanno confermato questo comportamento degli uccelli e lo accettano come un fatto naturale”, ha detto l’ornitologo. Tuttavia, gli scienziati europei sono riluttanti ad accettare queste osservazioni e sostengono che non esista sufficiente documentazione. Almeno fino a oggi. Ora Gosford e i suoi collaboratori, dopo sei anni di osservazione e la raccolta di più di 20 testimonianze, hanno la possibilità di mostrare come il comportamento dei rapaci sia molto diffuso.

«E’ un fenomeno interessante, perché mostra come le specie abbiano imparato a rispondere agli incendi non scappando, ma utilizzandoli a loro vantaggio e controllandoli», ha detto il professor Kacelnicj, dell’Università di Oxford in Inghilterra. La nuova frontiera della ricerca, adesso, riguarda il tentativo di l’accensione di fuochi controllati con l’aiuto degli aborigeni possa permettere di assistere direttamente ai rapaci in azione.
Allegati
ucccelli02-15533-kRFE-U11012020478094qSE-1024x681@LaStampa_it.jpg


Immagine Immagine

Rispondi