• Amministratore
  •  
    Qui puoi scrivere tutte le notizie avvenute
     

L'INVERNO SI AVVICINA ED IL BASETTINO SI APPRESTA A VARIARE LA SUA DIETA................................

Qui si possono mettere tutte le discussioni del nostro hobby che servono per migliorare e tutelare il mondo dell'ornitofilia.....

Moderatori: Ondulato, Mario.dg83, Antonio P., GiuseppeMicali, MARIO 51

Rispondi
Avatar utente
Piero
Messaggi: 102
Iscritto il: gio mar 18, 2021 12:16 pm

L'INVERNO SI AVVICINA ED IL BASETTINO SI APPRESTA A VARIARE LA SUA DIETA................................

Messaggio da Piero »

L'INVERNO SI AVVICINA ED IL BASETTINO SI APPRESTA A VARIARE LA SUA DIETA.....................................Il basettino (panurus biarmicus) risulta essere una delle specie autoctone più affascinanti, a mio modesto parere.
Discreto ma anche terribilmente irrequieto, questo simpatico uccellino compie continue evoluzioni nel Canneto arrampicandosi con agilità incredibile sui fusti di Phragmites australis, pianta con cui vive un esistenza simbiotica, per poi lasciassi scivolare con eleganza verso il terreno per riapparire quasi immediatamente in cima un'altra canna palustre alla ricerca di semi. Vive quasi esclusivamente nelle vaste estensioni palustri dove I canneti, in acque poco profonde, formano grovigli impenetrabili, nei quali costruisce i nidi a 20/30 cm dalla superficie dell'acqua, dove in estate, è alla costante ricerca di insetti, mentre nel periodo invernale i semi della Phragmites australis sono la base della sua dieta.
Il cambiamento dell'alimentazione è legato a un mutamento istologico dell'apparato digerente. Da studi approfonditi in materia emerge quanto segue:
la muta dei soggetti inizia alla fine di luglio, inizio agosto, ma può protrarsi fino a metà agosto per i soggetti delle ultime covate, con una durata che può variare dai 42 ai 50 giorni, inoltre varia in base all'altitudine ed alla trasformazione del tratto digestivo, infatti in questa delicata fase vi è il passaggio da Un'alimentazione insettivora ad una a base di semi delle infiorescenze delle canne appunto, questo periodo di alimentazione grani ora, si protrae fino agli inizi di febbraio. Durante i mesi invernali il ventriglio è appositamente adattato per l'assunzione dei semi. Infatti quest'ultimo pesa tra gli 0, 88 ed i 1,21 grammi ed è densamente riempito con piccole pietruzze, di varie dimensioni.
La membrana cheratinoide forma piastre di attrito spesse e dure. Discorso inverso in estate, quando lo stomaco è più piccolo 0,50 0,68 g e contiene poche pietruzze di piccole dimensioni . La membrana cheratinoide è morbida e si gonfia nel lume dello stomaco in due cuscinetti, anche questi molto morbidi. I basettini Infatti non sono minacciati da inverni freddi e lunghi ma da inverni miti con tardiva insorgenza del freddo perché in questo modo gli uccelli non sono più in grado di digerire i semi della canna dopo una conversione gastrica in forma estiva dell'intestino e quindi morire di fame a causa della mancanza di insetti. Il basettino (panurus biarmicus) risulta essere una delle specie autoctone più affascinanti, a mio modesto parere.
Discreto ma anche terribilmente irrequieto, questo simpatico uccellino compie continue evoluzioni nel Canneto arrampicandosi con agilità incredibile sui fusti di Phragmites australis, pianta con cui vive un esistenza simbiotica, per poi lasciassi scivolare con eleganza verso il terreno per riapparire quasi immediatamente in cima un'altra canna palustre alla ricerca di semi. Vive quasi esclusivamente nelle vaste estensioni palustri dove I canneti, in acque poco profonde, formano grovigli impenetrabili, nei quali costruisce i nidi a 20/30 cm dalla superficie dell'acqua, dove in estate, è alla costante ricerca di insetti, mentre nel periodo invernale i semi della Phragmites australis sono la base della sua dieta.
Il cambiamento dell'alimentazione è legato a un mutamento istologico dell'apparato digerente. Da studi approfonditi in materia emerge quanto segue:
la muta dei soggetti inizia alla fine di luglio, inizio agosto, ma può protrarsi fino a metà agosto per i soggetti delle ultime covate, con una durata che può variare dai 42 ai 50 giorni, inoltre varia in base all'altitudine ed alla trasformazione del tratto digestivo, infatti in questa delicata fase vi è il passaggio da Un'alimentazione insettivora ad una a base di semi delle infiorescenze delle canne appunto, questo periodo di alimentazione grani ora, si protrae fino agli inizi di febbraio. Durante i mesi invernali il ventriglio è appositamente adattato per l'assunzione dei semi. Infatti quest'ultimo pesa tra gli 0, 88 ed i 1,21 grammi ed è densamente riempito con piccole pietruzze, di varie dimensioni.
La membrana cheratinoide forma piastre di attrito spesse e dure. Discorso inverso in estate, quando lo stomaco è più piccolo 0,50 0,68 g e contiene poche pietruzze di piccole dimensioni . La membrana cheratinoide è morbida e si gonfia nel lume dello stomaco in due cuscinetti, anche questi molto morbidi. I basettini Infatti non sono minacciati da inverni freddi e lunghi ma da inverni miti con tardiva insorgenza del freddo perché in questo modo gli uccelli non sono più in grado di digerire i semi della canna dopo una conversione gastrica in forma estiva dell'intestino e quindi morire di fame a causa della mancanza di insetti.
Allegati
IMG_20211130_124531.jpg


36 55 50 40

Avatar utente
Anna
Messaggi: 71
Iscritto il: lun apr 05, 2021 2:39 pm

Re: L'INVERNO SI AVVICINA ED IL BASETTINO SI APPRESTA A VARIARE LA SUA DIETA................................

Messaggio da Anna »

È un soggetto che mi affascina molto........
56 59 63 35 26

Avatar utente
Giulia
Messaggi: 39
Iscritto il: sab ott 16, 2021 10:06 pm

Re: L'INVERNO SI AVVICINA ED IL BASETTINO SI APPRESTA A VARIARE LA SUA DIETA................................

Messaggio da Giulia »

Un mondo affascinante, come tutto in natura ....
211 50 30

Rispondi